Sabato, 16 Novembre 2019

    Pesca di frodo, Guardia Costiera sequestra mezzo chilo di tritolo In evidenza

    Mezzo chilo di tritolo ricavato da vecchi congegni bellici nelle vicinanze delle dismesse banchine dei cantieri Tosi. E’ quanto rinvenuto e sequestrato dalla Guardia Costiera di Taranto, la quale riferisce che il materiale esplosivo sarebbe stato utilizzato per la pesca di frodo. Decisive le segnalazioni di alcuni cittadini, che hanno permesso l’intervento dei militari ed il successivo arrivo degli artificieri dei Carabinieri, i quali hanno rimosso il materiale.

    La Guardia Costieria ricorda che “l’illecita pratica, purtroppo diffusa nei mari del capoluogo ionico, ha effetti devastanti sull’habitat marino e sul suo ecosistema e pertanto impegno prioritario per gli uomini della Guardia Costiera costantemente in prima fila per la tutela dell’ambiente e determinata a debellare tale abietta pratica. La stessa sensibilità è sempre più recepita dai cittadini che non mancano di collaborare quotidianamente con le istituzioni segnalando gli ormai tristemente noti “botti” provenienti dalle acque di San Vito o del Mar Piccolo”.

    Vota questo articolo
    (0 Voti)
    © 2014 associazione CronacheTarantine. Tutti i diritti sono riservati