Lunedì, 17 Giugno 2019
    Redazione

    Redazione

    Il ministro per il Sud, Barbara Lezzi, ha firmato il decreto che istituisce la Zes Ionica che si estende tra Taranto e la provincia di Matera. La Zes ionica è la terza ad essere stata istituita, dopo quelle della Campania e della Calabria. 

    Con 22 voti a favore e 4 astensioni, il Consiglio comunale di Taranto ha approvato il differimento del pagamento della prima rata della Tari dal 16 giugno al 16 luglio 2019. I circa 90mila contribuenti tarantini destinatari degli avvisi di pagamento avranno quindi un mese in più per poter pagare la prima tranche della tassa.

    “Centosettantatre (173) casi di tumori maligni nella fascia di età compresa tra 0 e 29 anni, dei quali 39 in età pediatrica e 5 nel primo anno di vita. In età pediatrica si osserva, inoltre, un numero di casi di tumori del sistema linfoemopoietico totale in eccesso rispetto all’atteso (22 casi), al quale contribuisce sostanzialmente un eccesso del 90% nel rischio di linfomi” […]. “I nati da madri residenti nel periodo 2002-2015 sono stati 25.853; nello stesso periodo sono stati osservati 600 casi con malformazione congenita (MC), con una prevalenza superiore all’atteso calcolato su base regionale”.

    14 attività commerciali e più di 50 persone controllate, 53 mila euro di sanzioni complessive, cessazione di attività per tre circoli ricreativi e 14 apparecchi di gioco posti sotto sequestro. E’ il bilancio di diversi servizi di controllo effettuati  dalla Polizia di Taranto.

    Lesioni e maltrattamenti nei confronti della convivente di 21 anni. Con queste accuse un 26enne rumeno è stato arrestato dai Carabinieri a Marina di Ginosa. La donna subiva da diverso tempo continue violenze psicologiche e vessatorie.

    La notizia della cassa integrazione per 1400 dipendenti di ArcelorMittal ha costretto il sindaco di Taranto, Rinaldo Melucci, a prendere posizione per dire la sua sulla vicenda. Il primo cittadino ionico attende ancora di vedere i primi effettivi benefici derivanti dalle azioni del colosso siderurgico: “Numeri, cicli, condizioni di mercato, lettere comunitarie, si legge tanto nei comunicati di ArcelorMittal, ma ancora non si capisce che quella non è una fabbrica come tutte le altre, che qui non possono valere prioritariamente le regole dell’economia, Taranto non è un insediamento produttivo qualunque e dei miliardi di investimenti, che periodicamente vengono riproposti nelle note stampa, noi non vediamo ancora beneficio, visto che basta qualche mese di congiuntura negativa per far assorbire il colpo dai lavoratori e le loro famiglie, già provate da anni difficilissimi”.

    Bilancio dei Carabinieri di Taranto in occasione del 205° anniversario della fondazione dell’Arma. Dal giugno 2018 al maggio 2019, i militari hanno riscontrato 12.251 reati. In totale, tra la città capoluogo e la provincia, sono state arrestate 616 persone e denunciate 2.716 a piede libero. Per quanto concerne l’attività antidroga, sono stati posti sotto sequestro 114 chili di sostanze stupefacenti, per un valore commerciale di un milione di euro. Per reati inerenti alla droga sono finiti in manette 119 soggetti, altri 124 sono stati denunciati e 679 segnalati alla Prefettura come assuntori di droghe.

    Giungono le prime dure reazioni dei sindacati alla notizia della cassa integrazione ordinaria per i lavoratori di ArcelorMittal per le prossime 13 settimane. Per Biagio Prisciano, segretario generale aggiunto della Fim Cisl Taranto-Brindisi, “da Arcelor Mittal non ci aspettavamo un comportamento così scorretto. L’immagine non può prevalere sugli interessi dei lavoratori”.

    Al via il primo corso "Mi formo e lavoro" nella sede di 'Inversi Engineering' di Taranto. Il programma, finanziato dalla regione Puglia, offre una possibilità di formazione a tutti coloro che vogliono orientarsi nel mondo del lavoro. 

    ArcelorMittal annuncia di dover ricorrere alla Cassa Integrazione Guadagni Ordinaria (CIGO). Per quanto riguarda lo stabilimento siderurgico di Taranto, il provvedimento riguarderà circa 1400 dipendenti al giorno per le prossime 13 settimane. La decisione è stata presa per far fronte alle critiche condizioni del mercato. L’azienda ha già informato le organizzazioni sindacali e le rappresentanze sindacali unitarie ioniche, le quali riceveranno ulteriori notizie nell’incontro fissato per domani, 6 giugno.

    banner_igenia.jpg
    engineering.jpg
    © 2014 associazione CronacheTarantine. Tutti i diritti sono riservati