Venerdì, 18 Ottobre 2019

    Indotto ArcelorMittal: fissato calendario incontri con Confindustria In evidenza

     

    L'atteso incontro tra ArcelorMittal Italia e Confindustria Taranto svoltosi ieri sarà solo il primo di una serie di appuntamenti attraverso i quali discutere delle problematiche che riguardano l'indotto del siderurgico ionico. Lo hanno stabilito di comune accordo le due parti al termine di un faccia a faccia ritenuto positivo, ma al momento apparentemente interlocutorio.

    Al tavolo, ArcelorMittal Italia era rappresentata da Annalisa Pasquini, responsabile delle risorse umane, ed Emmanuel Rodriguez, responsabile degli acquisti; per Confindustria vi erano Antonio Marinaro, presidente della sezione di Taranto, Mario Mantovani, direttore dell’associazione e una ristretta delegazione di imprenditori appartenenti a diversi settori.


    In una nota stampa le parti fanno sapere di aver "deciso di avviare - così come previsto nell’Addendum contrattuale - il processo di ingresso, per le aziende del territorio che fossero interessate a lavorare all’estero, alla rete europea del gruppo e quindi a competere anche per altri contratti. Al termine dell’incontro si è deciso di fissare un calendario settimanale di appuntamenti tematici nel corso dei quali affrontare le dinamiche interne ai diversi comparti interessati".

     

    Confindustria Taranto ha sollecitato una maggiore attenzione nei confronti delle aziende locali che pagano la politica di riduzione dei costi posta in essere dalla multinazionale franco-indiana. L'associazione datoriale ha di nuovo sollecitato un percorso graduale di accompagnamento delle imprese del territorio, magari spalmato in un semestre. Ciò permetterebbe di individuare una soluzione per le imprese che non hanno assunto i propri dipendenti con un contratto di lavoro multiservizi e che quindi rischiano di rimanere esclusi dal ciclo produttivo. Durante l'incontro di ieri non ci sono stati impegni formali, ma la disponibilità dell'azienda a discutere di tale problematica.

    Vota questo articolo
    (0 Voti)
    © 2014 associazione CronacheTarantine. Tutti i diritti sono riservati