Lunedì, 19 Agosto 2019

    No ai matrimoni a Palazzo di città, Nilo e Baldassari non ci stanno In evidenza

     

    "Se dovesse passare la proposta del sindaco Melucci, nessun tarantino potrà più sposarsi presso la casa comunale e godere della bellezza della sala degli specchi ma dovrà optare per palazzo Pantaleo". Per il consiglieri comunali di opposizione Nilo e Baldassari, questa ipotesi deve essere assolutamente scongiurata. Per questo, durante la prossima seduta della massima assise cittadina proveranno a far passare un emendamento che faccia tornare il primo cittadino sui propri passi.

    "L’emendamento che depositeremo in Consiglio - annunciano - prevede la possibilità di celebrare i matrimoni civili sia nella più tradizionale ed istituzionale location della casa comunale sia presso lo storico palazzo Pantaleo così offrendo agli "sposini" tarantini e ai potenziali turisti maggiore scelta".

    Di tale questione si dibatte ormai da mesi e questa sera si arriverà alla resa dei conti in quanto la querelle approderà nella sede della massima assise cittadina dove si discuterà, tra le varie cose, la parziale modifica della delibera del regolamento comunale per la celebrazione dei matrimoni civili. Nilo e Baldassari ricordano che "con la nota sindacale numero 173988 del 2018 il sindaco Rinaldo Melucci aveva invitato la Direzione Risorse Umane-Demografia a procedere alla modifica del regolamento, evitando lo svolgimento dei matrimoni civili presso il Salone degli Specchi e considerando come altra sede utile la prestigiosa sala di Palazzo Pantaleo. "Ad oggi - tengono a specificare i due esponenti di minoranza -, nonostante le nostre segnalazioni a mezzo stampa, senza attendere la modifica del recentissimo regolamento sulla celebrazioni dei matrimoni civili, i matrimoni presso palazzo di città risultano essere già inspiegabilmente vietati".

    Tuttavia resta da capire se la proposta targata Nilo-Baldassari possa trovare sponda in alcuni componenti della maggioranza di governo. Un particolare non del tutto scontato.

     

    Vota questo articolo
    (0 Voti)
    © 2014 associazione CronacheTarantine. Tutti i diritti sono riservati