Domenica, 25 Agosto 2019

    Comune, dall'area Zingaretti via libera all'allargamento della maggioranza In evidenza

    Foto studio R.Ingenito Foto studio R.Ingenito

    Dopo il sostegno manifestato dal gruppo che fa riferimento al consigliere Piero Bitetti, il sindaco di Taranto, Rinaldo Melucci, incassa anche il il via libera all'allargamento della maggioranza consiliare dell'area Zingaretti del Partito Democratico. Area nella quale gravita Tommy Lucarella, primo dei non eletti tra i Dem, che, in caso di 'promozione' del consigliere Enzo Di Gregorio ad assessore, scatterebbe in Consiglio.


    "È politicamente corretta - scrivevano alcuni giorni fa i consiglieri Piero Bitetti, Mimmo Cotugno e Vittorio Mele - la scelta del sindaco di Taranto di azzerare la giunta con l’obiettivo, come lui stesso ha spiegato, di imprimere un’ulteriore accelerata all’azione amministrativa per raggiungere gli ambiziosi obiettivi in nome dei quali si è candidato ed è stato eletto alla guida della nostra città".

    Oggi tocca alla mozione Zingaretti del PD di Taranto far sentire la propria voce: "La valutazione del lavoro svolto - afferma Giovanni Battafarano -, con tutte le difficoltà incontrate, è​ positiva, se si tiene conto che sembra oramai tracciata la rotta verso una nuova Taranto. Una prospettiva di sviluppo che si metta alle spalle l’industrialismo dello scorso millennio e definisca una nuova identità economica e sociale.
    L’amministrazione, tra le cose fatte, ha affrontato a testa alta e con pragmaticità la “questione ambientale”, messo in sicurezza i conti comunali, avviata e portata avanti con decisione la pianificazione strategica urbanistica e produttiva, definiti i progetti principali del CIS, avviati cantieri importanti come la Biblioteca Comunale e la manutenzione del Verde Comunale, riconfermati le attività degli appalti comunali e del relativo personale, ha proposto candidatura ai giochi del Mediterraneo, avviato e finanziato progetti importanti come il Campo Scuola ed il Mercato di Piazza Lucania".

    "La ricomposizione della maggioranza - avverte l'ex senatore - non deve essere sulle deleghe da dividere, la cui responsabilità compete al sindaco che saprà scegliere per il meglio, ma sugli obiettivi politici da condividere". Su questo terreno, l'area Zingaretti segnala gli obiettivi da perseguire: l'accelerazione dei progetti contenuti nel contratto istituzionale di sviluppo; la nuova pianificazione strategica della città, da quella urbanistica a quella della mobilità e produttiva; una particolare attenzione al decoro urbano ed alle periferie della città".

    Vota questo articolo
    (0 Voti)
    © 2014 associazione CronacheTarantine. Tutti i diritti sono riservati