Domenica, 25 Agosto 2019

    Ospedale San Cataldo su sito inquinato? Fioccano le smentite In evidenza

    Nelle ultime ore si è diffusa la notizia di un possibile stop alle operazioni di apertura del cantiere per la costruzione del nuovo ospedale di Taranto. I timori riguardavano il fatto che l'ospedale potesse o fosse destinato a sorgere su siti altamente inquinati. Il tutto nasce da un'ordinanza del sindaco di Taranto, Rinaldo Melucci, che - sulla scorta dei risultati delle analisi condotte dal commissario straordinario per le bonifiche (analisi che hanno riscontrato la compromissione dei suoli) - ha interdetto l'area.
     
    Nelle ultime ore, tuttavia, proprio dalla struttura commissariale sono arrivate le smentite. Come riportato in un'agenzia dell'Agi, l'ospedale verrà costruito fuori dalla zona Salina Grande, in prossimità della strada statale di collegamento Taranto-San Giorgio Jonico”. Nessuno stop, dunque, in quanto se è vero che la “situazione della Salina Grande presenta criticità di carattere ambientale, non interferisce con la realizzazione dell'ospedale”. 
     
    A gettare acqua sul fuoco ci ha pensato anche la Asl di Taranto, osservando che il progetto dell’ospedale è previsto in una zona diversa dalla Salina Grande “e non in territorio Sin”, Sito di interesse nazionale. La distanza tra il sito scelto per l’ospedale e la Salina Grande sarebbe di circa 2,5 km.  
     
    Il nuovo ospedale di Taranto rientra tra le opere finanziate dal Cis, il Contratto Istituzionale di Sviluppo. I rallentamenti sulla tabella di marcia sono stati determinati da una serie di verifiche effettuate sull'azienda aggiudicataria dell'appalto. La gara è stata esperita da Invitalia, agenzia del Mef, ma la commissione ha giudicato "anormalmente bassa" l’offerta avanzata ed è stato così aperto il "procedimento di verifica dell'anomalia". Procedimento che, di recente, si è concluso e che dovrebbe portare alla consegna del cantiere entro l'estate.

     

    Vota questo articolo
    (0 Voti)
    © 2014 associazione CronacheTarantine. Tutti i diritti sono riservati