Venerdì, 20 Settembre 2019

    Guida blu 2019 di Legambiente, ora c'è anche Pulsano In evidenza

    Il Comune di Pulsano conquista le 4 vele di Legambiente e fa il proprio ingresso nella Guida blu 2019. Dopo aver inseguito la bandiera blu senza tuttavia riuscire ad ottenerla, ora arriva un importante riconoscimento rispetto agli sforzi profusi per rilanciare uno dei tratti più affascinanti del litorale ionico.

    Le 5 vele rimangono ad appannaggio di 12 comprensori turistici pugliesi, tra cui quello dell’alto Salento ionico con i comuni di Nardò, Gallipoli, Porto Cesareo e Racale, la costa del Parco Agrario degli Ulivi Secolari ed il comprensorio dell’alto Salento adriatico (Otranto, Melendugno e Vernole).
    Per quanto riguarda la Provincia di Taranto, vanno segnalate le 4 vele assegnate al litorale tarantino orientale (Manduria, Maruggio e Pulsano) e le 3 vele conquistate dal comprensorio del Golfo di Taranto che include Ginosa e Castellaneta.

    Nel contesto nazionale, la Puglia guadagna la terza posizione, dopo Sardegna e Sicilia, nella classifica 'Il mare più bello 2019' delle regioni con il maggior numero di vele attribuite da Legambiente e Touring Club. «Un traguardo molto importante - ha commentato il presidente di Legambiente Puglia Francesco Tarantini -: siamo sul podio dopo Sardegna e Sicilia. E sono ben tre i comprensori dove sventolano le 5 vele. Poi c'è un nuovo comprensorio turistico, quello dell’Alto Salento Ionico, e aumentano le località costiere pugliesi raccontate da Guida Blu, che salgono a 42, con le new entry di Pulsano e Vernole».

    Vota questo articolo
    (0 Voti)
    © 2014 associazione CronacheTarantine. Tutti i diritti sono riservati