Martedì, 23 Luglio 2019

    Imprese tarantine più competitive all'estero, sottoscritto protocollo con l'ICE In evidenza

    Aiutare le imprese ioniche a proporsi con maggiore forza sui mercati esteri. É questo uno degli obiettivi perseguiti dal tavolo istituzionale permanente del Cis. Lo ha detto chiaramente il ministro dello Sviluppo economico, Luigi Di Maio, ieri a Taranto, ribadendo l'importanza della formazione dei quadri delle aziende locali nell'ambito delle strategie di internazionalizzazione. 

    Per questo, a margine del tavolo permanente, la Camera di commercio e ICE, l'agenzia per la valorizzazione del made in Italy, hanno siglato un accordo operativo per la potenziare il know how delle imprese tarantini e per la diversificazione produttiva e commerciale del territorio ionico.

    Il presidente della Camera di commercio di Taranto, Luigi Sportelli, ha affermato: "L'accordo recepisce le istanze di tutte le rappresentanze delle categorie economiche locali. Istanze che, per il tramite della Camera di commercio, si sostanzieranno in una serie di azioni informative, formative e promozionali rese da ICE a favore delle micro, piccole e medie imprese provinciali".

    Sportelli ha anche informato il tavolo riguardo agli importanti avanzamenti nella realizzazione della piattaforma logistica agroalimentare, intervento strategico per le riconversione economica dell'intera area. Da ultimo, ha nuovamente ribadito la necessità di utilizzare gli indicatori di sostenibilità in particolare il BES - Benessere Equo e Sostenibile per lo studio degli interventi del CIS, sottolineando: "l’urgenza di avviare a livello sistemico e sotto l’egida del Tavolo istituzionale questi percorsi che sono: di capacitazione amministrativa, di studio del territorio e degli interventi pubblici secondo gli indicatori di sostenibilità e di creazione di attività imprenditoriali in linea con l’idea di una effettiva rigenerazione socio – economica e di un reale cambio di paradigma. Si tratta, anche grazie al Bes, di aiutare le nostre imprese, quelle esistenti e quelle nuove, a cambiare radicalmente mentalità ed approccio alla comunità, a perseguire il bene comune insieme al profitto".

     

    Vota questo articolo
    (0 Voti)
    © 2014 associazione CronacheTarantine. Tutti i diritti sono riservati