Venerdì, 18 Ottobre 2019

    Scoppia anche a Taranto il fenomeno della ‘Samara challenge’? In evidenza

    By F. Calderone Settembre 06, 2019
    Dal film The Ring Dal film The Ring

    La mania della ‘Samara challenge’ rischia di scoppiare definitivamente anche a Taranto. Il gioco horror che si sta diffondendo in tutta Italia consiste nel travestirsi da Samara Morgan, il personaggio del famoso film ‘The Ring’ uscito nelle sale cinematografiche nel 2002, e spaventare i passanti.


    Visionando alcuni video apparsi in rete apprendiamo che il travestimento sarebbe avvenuto nei quartieri Tramontone e Tamburi. Nel primo caso si sarebbe registrata un’aggressione da parte di una banda di ragazzini nei confronti del ragazzo/ragazza protagonista dello scherzo dell’orrore. Intanto, una presa di posizione ufficiale sull’argomento è stata assunta dal sindaco di Montemesola, Vito Punzi, che ha condannato la ‘Samara challenge’ attraverso Facebook: “L'esagerazione per ogni cosa è il limite oltre il quale tutto diventa incredibilmente pericoloso. Alcuni giochi sono pericolosi perché rappresentano l'esagerazione di qualcuno che ha problemi di diversa natura. Per questo e tanti validi motivi, credo sia necessario un controllo più accurato dei nostri figli sempre impegnati in attività che poco hanno a che fare con il mondo reale che ci circonda. Il virtuale, i social, l’esibizionismo sembra aver preso la meglio su tutto, ma siamo sicuri che la colpa è sempre degli altri? Mancava questo fenomeno di Samara per esasperare aspetti così delicati come il prendersi gioco dei "deboli". Blocchiamo i social sui cellulari dei nostri figli – conclude il primo cittadino del paese ionico -, forse Samara sarebbe già tornata a casa, afflitta e sconsolata”. Contattato dalla nostra redazione per avere maggiori informazioni, Punzi ci ha riferito che “si è trattato solo di tanto baccano inutile prodotto come al solito dai social. Ho sempre voluto lanciare messaggi del genere cercando di trasmettere, per quello che può servire, alcuni principi fondamentali dimenticati”.
    Nel resto della Puglia sono già scattate le prime denunce. A Lesina i Carabinieri hanno denunciato due donne di 32 e 35 anni. In particolare la 32enne aveva fatto travestire la figlia accompagnandola nel paese. Nei giorni scorsi erano invece state segnalate aggressioni in Campania, soprattutto a Gragnano, dove una ragazza è stata letteralmente pestata ed è finita in ospedale.

    Vota questo articolo
    (0 Voti)
    © 2014 associazione CronacheTarantine. Tutti i diritti sono riservati