Venerdì, 18 Ottobre 2019

    Reddito di cittadinanza, fase 2: Comune nomina Amministratore di ambito In evidenza

    La fase due del Reddito di cittadinanza è ormai partita la scorsa settimana. Per i beneficiari è tempo di firmare il cosiddetto Patto per il lavoro. Ad essere convocati dai Centri per l'impiego saranno non soltanto gli intestatari del Reddito ma anche i componenti del nucleo familiare maggiorenni che non sono occupati e che non frequentano un corso di studi. I dati indicano che la gran parte dei soggetti da avviare al lavoro risiede nelle principali regioni del sud Italia: in Puglia sono 50.904 i destinatari della misura.

     

    Il decreto legge del 28 gennaio 2019, convertito in legge il successivo 28 marzo, prevede inoltre che, al fine di consentire l'attivazione e la gestione dei Patti per il lavoro e dei Patti per l'inclusione sociale, vengano istituite due piattaforme digitali, una presso l'Anpal - per il coordinamento dei Centri per l'impiego - ed una presso il ministero del Lavoro e delle politiche sociali - per il coordinamento dei Comuni.


    Gli ambiti territoriali devono quindi procedere a nominare il soggetto da accreditare con ruolo di "Amministratore di Ambito", il quale provvederà ad operare sulla piattaforma on line. Per questo, al termine della scorsa settimana, il Comune di Taranto ha proceduto alla nomina, quale amministratore dell'Ambito Territoriale di Taranto, della dottoressa Antonia Fornari, dirigente della direzione Servizi Sociali.


    Nei primi dodici mesi di fruizione del Reddito verranno ritenute congrue le offerte di lavoro che riguardano sedi distanti non più di 100 chilometri dalla residenza del beneficiario o comunque raggiungibili in 100 minuti con i mezzi pubblici, entro duecentocinquanta chilometri se si tratta di seconda offerta ovvero su tutto il territorio nazionale se è la terza. Ora non resta che capire se la fase 2 del Redditto di cittadinanza faciliterà l'incontro tra domanda ed offerte di lavoro e soprattutto quante di queste proverranno dal territorio provinciale o regionale del beneficiario.

     

    Vota questo articolo
    (0 Voti)
    © 2014 associazione CronacheTarantine. Tutti i diritti sono riservati