Venerdì, 18 Ottobre 2019

    Ragno: "Ho fatto i complimenti alla mia squadra" In evidenza

    L'allenatore del Taranto, Nicola Ragno, è soddisfatto della prestazione sfornata dalla sua squadra: "Partita difficile contro una squadra difensiva. Abbiamo effettuato un possesso palla continuo. Ho elogiato i miei ragazzi, una volta aggiustate le posizioni in campo di Guaita e Matute siamo stati più fluidi. Molte partite si sbloccano con le palle inattive e siamo poi stati bravi a chiudere la sfida per non rischiare brutte sorprese.

    Ovviamente l'espulsione ci ha agevolato il compito. Nel primo tempo non mi è piaciuta la postura dei miei giocatori, avremmo potuto verticalizzare maggiormente invece di fornire passaggi dietro. Il pubblico si è indispettito quando portavamo troppo la palla, ma far correre a vuoto la squadra avversaria porta dei vantaggi. Abbiamo disputato inoltre una grande gara in difesa con marcature preventive. Il Nardò ha tirato solamente una volta in porta".

    Fondamentali gli apporti dei subentrati: "2 anni fa vinsi il campionato a Potenza grazie alla panchina. Abbiamo avuto un atteggiamento alto, i ragazzi sono stati bravissimi a non far ripartire il Nardò e siamo anche stati in grado di essere creativi su entrambi i lati".

    Su D'Agostino: "Gli ho chiesto di non abbassarsi - dichiara Ragno -, ha fatto abbastanza bene per essere stata la sua prima partita ufficiale".

    Le condizioni di Allegrini: "Ha messo male il piede e si è girato di poco il suo ginocchio, per non creare ulteriori pericoli lo abbiamo sostituito".


    Su Croce: "Ha fatto bene, ma anche Favetta, prima o poi segnerà anche lui".

    Nelle prime due posizioni in classifica ci sono a sorpresa Fasano e Gelbison: "I veri valori escono dopo 7-8 giornate, se Fasano e Gelbison saranno ancora lì li terremo in considerazione. Il campionato è difficilissimo, si può perdere o vincere dappertutto. Oggi Bitonto e Brindisi hanno infatti perso. Il 3 maggio vincerà solo un club - conclude Ragno - e gli altri si mangeranno le mani".

    Vota questo articolo
    (0 Voti)
    © 2014 associazione CronacheTarantine. Tutti i diritti sono riservati