Mercoledì, 26 Giugno 2019

    Usb denuncia ArcelorMittal, prima udienza il 19 febbraio In evidenza

    Si terrà il 19 febbraio l'udienza in merito al ricorso presentato dall'Usb nei confronti di ArcelorMittal. Lo fa sapere la stessa sigla sindacale che aggiunge: "Contiamo che si faccia giustizia e che ArcelorMittal possa dar luogo ad una politica differente rispetto a quella che sino ad oggi ha prodotto un comportamento antisindacale".

    L'Usb, infatti, ha denunciato l'attuale gestore del siderurgico ai sensi dell'articolo 28 dello Statuto dei lavoratori per la mancata applicazione dei criteri di assunzione del personale previsti dall'accordo del 6 settembre 2018.

    Secondo il sindacato dei metalmeccanici: "L'affidabilità di ArcelorMittal dà segni di cedimento ovunque: nel reparto Acciaieria2 del siderurgico si è verificata la rottura di una siviera, in evidente stato di usura, che ha causato la fuoriuscita di acciaio liquido che solo per una casualità non ha coinvolto gli operai presenti in quel momento. Sempre nella giornata di ieri, un automezzo è sprofondato a causa del cedimento del terreno in area parco rottami. Inoltre, in merito alle ditte d'appalto, si registra una completa mancanza di informazione".

    In merito alla recente sentenza della Corte Europea dei Diritti dell'Uomo, infine, l'Usb dichiara di essere in attesa di comprendere le intenzioni e le reazioni del Governo. "Ci auspichiamo - scrivono in una nota - che la sentenza non sia impugnata ed, invece, siano attuate le motivazioni della stessa. Le leggi sino ad oggi prodotte non hanno tutelato la salute dei cittadini e degli stessi operai che sono stati sottoposti ad una “persistenza situazione di inquinamento ambientale” e, inoltre, le istituzioni “non hanno adottato tutte le misure necessarie per garantire una protezione efficace”. In tal senso ci auspichiamo che questo Governo ripristini uno Stato di diritto che a Taranto è assente da diversi anni".

    Vota questo articolo
    (0 Voti)
    banner_igenia.jpg
    engineering.jpg
    © 2014 associazione CronacheTarantine. Tutti i diritti sono riservati