Venerdì, 18 Ottobre 2019

    Indotto ArcelorMittal, niente soluzione per gli ex Castiglia In evidenza

    Il dialogo tra azienda e sindacati non fornisce ancora risposte ai lavoratori dell'indotto dell'acciaieria ionica. In particolare agli ex dipendenti della ditta Castiglia per cui sono state avviate le procedure di licenziamento. Alla Castiglia - che dal primo ottobre prossimo andrà fuori dall'acciaieria - dovrebbero subentrare cinque nuove aziende. Ma per i suoi 201 addetti non sembra esserci un esito positivo. Solo due lavoratori sembrano poter godere dei vantaggi offerti dalla clausola sociale.


    Secondo fonti sindacali, durante l'ultimo confronto avvenuto nelle scorse ore, regna la più totale incertezza per ciò che concerne il destino di quanti, non godendo di un contratto multiservizi, non possono transitare nelle aziende subentranti. Queste ultime sostengono - riferiscono le stesse fonti - di non potersi fare carico degli operai se prima non sapranno quale lavoro verrà loro affidato e di conseguenza di quanto personale avranno bisogno. A guidare questa posizione, è Alliance Green Service, la società dove ArcelorMittal ha una partecipazione e che dovrebbe assumere una quota di questo personale. Il confronto é stato aggiornato al 24 settembre.


    Resta inoltre inoltre in piedi il tavolo di contrattazione con le sigle dei metalmeccanici per quel che concerne le ulteriori 13 settimane di cassa integrazione chieste da ArcelorMittal per 1395 suoi dipendenti. I sindacati hanno chiesto una riduzione dei numeri complessivi dei cassintegrati, la rotazione del personale in cassa, il rientro al lavoro, dalla cassa integrazione, dei manutentori viste le necessità di interventi su diversi impianti della fabbrica, e l’erogazione, da parte dell’azienda ai lavoratori, di una integrazione al reddito in modo da attenuare la decurtazione economica conseguente alla cassa integrazione. Gli incontri di area sono avvenuti con le rsu, ora la sintesi con le risposte di ArcelorMittal verrà fatta in un nuovo incontro con le segreterie provinciali dei metalmeccanici che potrebbe essere convocato nella prossima settimana.

    Vota questo articolo
    (0 Voti)
    © 2014 associazione CronacheTarantine. Tutti i diritti sono riservati