Giovedì, 29 Settembre 2022

    Taranto, sospesa attività di un esercizio coinvolto nell’operazione “mafia nigeriana”

    Non si ferma l’attività di indagine della Squadra Mobile che, sotto il coordinamento della Direzione Distrettuale Antimafia di Lecce e della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Taranto, ha eseguito, nei giorni scorsi, un’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di 9 cittadini di nazionalità nigeriana ed uno ai domiciliari, ritenuti presunti responsabili a vario titolo di associazione a delinquere finalizzata alla detenzione a fini di spaccio di sostanze stupefacenti, favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione e riciclaggio di denaro.

    Nella maxi operazione, infatti, avviata con il fondamentale supporto dei servizi di intelligence nazionali (AISI), è emerso che l’organizzazione criminale utilizzava “sportelli clandestini” per versare in Italia il denaro raccolto, verosimilmente provento dello smercio di sostanze stupefacenti, per poi prelevarlo direttamente in Nigeria.
    Per compiere questa operazione, la struttura criminale si è avvalsa della cooperazione della titolare di uno degli esercizi commerciali presenti sul territorio tarantino.
    E’ stato accertato, infatti, che la donna ha posto in essere una serie di operazioni finalizzate al trasferimento di denaro, presunto provento di spaccio di sostanze stupefacenti, utilizzando in diverse occasioni, nell’anno 2020, il proprio esercizio commerciale al quale veniva consegnato materialmente il denaro che poi veniva trasferito con bonifico online da una banca nigeriana in favore del conto indicato dal committente, acceso sempre in altra banca nigeriana.
    Per questi motivi, il Questore della Provincia di Taranto, Dott. Massimo Gambino, ha firmato il provvedimento di sospensione dell’attività commerciale dell’esercizio per 15 giorni, tenuto conto che la situazione risulta di particolare gravità ed allarme sociale per la collettività e costituisce un pericolo attuale ed oggettivo per l’ordine e la sicurezza pubblica.
    Alla notifica e all’esecuzione del citato provvedimento ha provveduto il Dirigente della Divisione Polizia Amministrativa e Sociale della Questura di Taranto.

    Vota questo articolo
    (0 Voti)
    pecorarh.jpg
    natur4.jpg
    ermese2.jpg
    autogammasud.jpg
    franky_2.jpg
    gteck_wall.jpg
    almat.jpg
    mad-srl.png
    cmts_new3.jpg
    buld_sc.jpg
    stoneg.jpg
    © 2014 associazione CronacheTarantine. Tutti i diritti sono riservati