Domenica, 22 Maggio 2022

    Mysterium Festival, chiusura con Messa di Requiem Mozart e anticipazioni prossima rassegna In evidenza

    “Aspettando il Mysterium” l’edizione-madre 2022 è in fase di lavoro. John Rutter, compositore, direttore d’orchestra e di coro inglese, sarà la star di punta. Il concerto si svolgerà nella splendida Cattedrale di San Cataldo e sarà presente anche Donato Fusillo, il presidente del Comitato scientifico del Mysterium Festival.

    «Il prossimo Mysterium Festival – dichiara Piero Romano, direttore artistico dell’Orchestra Magna Grecia – sarà un’edizione molto importante». Intanto, si è conclusa l’edizione 2021 de “Aspettando il Mysterium Festival” la rassegna promossa dall’Arcidiocesi di Taranto, insieme con il l’Amministrazione e l’Orchestra della Magna Grecia e in collaborazione con Ministero della Cultura, Regione Puglia e le Corti di Taras. «Si è appena conclusa la rassegna che ci prepara all’edizione del 2022 – la dichiarazione di don Emanuele Ferro, parroco della Cattedrale di San Cataldo – un appuntamento che fa da ponte fra la nostra fortissima devozione popolare nel periodo quaresimale e il mondo della cultura». Primo dei tre eventi, quello con l’Orchestra della Magna Grecia diretta da Gianluca Marcianò lunedì 1 a Taranto nel Duomo di San Cataldo. Intanto, i concerti con la Messa di Requiem di Mozart, a Taranto, martedì 2 nella Chiesa Gesù Divin Lavoratore, e mercoledì 3 novembre nella Chiesa Santa Famiglia di Martina Franca. Ingresso gratuito su prenotazione.

    Gli appuntamenti
    Martedì 2 novembre alle 20.00 nella Chiesa Gesù Divin Lavoratore, l’Orchestra giovanile della Magna Grecia diretta dal Maestro Gianluca Marcianò e il L.A. Chorus diretto dal Maestro Andrea Crastolla, con Donatella De Luca (soprano), Margherita Rotondi (mezzosoprano), Yumeng Ma (tenore), Piersilvio De Santis (basso). Fra i promotori dell’Orchestra giovanile, si segnala anche la Fondazione Motolese.
    Mercoledì 3 novembre, alle 20.30, nella Chiesa Santa Famiglia di Martina Franca, l’Orchestra della Magna Grecia diretta dal Maestro Gianluca Marcianò e il L.A. Chorus diretto dal Maestro Andrea Crastolla, con Marianna Mappa (soprano), Irene Molinari (mezzosoprano), Dario Vietri (tenore), Alberto Comes (basso).
    La Messa di requiem in Re minore K 626 è l'ultima composizione di Wolfgang Amadeus Mozart. Rimasta incompiuta per la morte dell'autore, avvenuta il 5 dicembre 1791, fu completata successivamente dall'amico e allievo Franz Xaver Sussmayr.
    L'opera è legata alla controversa vicenda della morte del suo autore, avvenuta il giorno successivo alla stesura delle prime battute delle parti vocali del Lacrimosa. Stendhal, in “Vite di Haydn, Mozart e Metastasio” (1815), parla di un anonimo committente che incarica Mozart, malato e caduto in miseria, di comporre in quattro settimane una messa di requiem, dietro compenso di cinquanta ducati.
    Orchestra della Magna Grecia: Taranto, via Giovinazzi 28 (392.9199935). Info e aggiornamenti su: www.orchestramagnagrecia.it

    Vota questo articolo
    (0 Voti)
    pecorarh.jpg
    natur3.jpg
    ermese2.jpg
    autogammasud.jpg
    franky_2.jpg
    gteck_wall.jpg
    mad-srl.png
    cmts_new3.jpg
    buld_sc.jpg
    stoneg.jpg
    © 2014 associazione CronacheTarantine. Tutti i diritti sono riservati