Giovedì, 29 Settembre 2022

    La procura di Taranto apre un’inchiesta sulla morte del medico all’ospedale Giannuzzi

    La procura di Taranto ha aperto un fascicolo per far piena luce sulla morte di Giovanni Buccoliero, il medico 61enne deceduto in corsia all’ospedale Giannuzzi di Manduria a causa di un infarto.

    La morte dell’uomo è avvenuta giovedì 21 luglio nel reparto di medicina che Buccoliero dirigeva da qualche mese per sostituire il primario assente per malattia. Secondo quanto emerso subito dopo il drammatico episodio, il medico da diversi giorni sarebbe stato sottoposto, così come gli altri cinque colleghi del reparto, a turni di lavoro massacranti, anche di 24 ore, con poco riposo a disposizione. Martedì sera aveva lavorato per 12 ore al Pronto Soccorso, e il giorno dopo altre 12 in reparto, dalle 8 del mattino. Aveva fatto rientro a casa solo mercoledì sera. Giovedì mattina è tornato come sempre in ospedale per il giro visite in reparto. La magistratura intende chiarire se a causare l'infarto al medico sia stato l’eccessivo carico di lavoro. I Carabinieri di Manduria hanno acquisito copia dei turni di servizio e il badge del professionista. Al momento non ci sono indagati.

    Vota questo articolo
    (2 Voti)
    pecorarh.jpg
    natur4.jpg
    ermese2.jpg
    autogammasud.jpg
    franky_2.jpg
    gteck_wall.jpg
    almat.jpg
    mad-srl.png
    cmts_new3.jpg
    buld_sc.jpg
    stoneg.jpg
    © 2014 associazione CronacheTarantine. Tutti i diritti sono riservati