Giovedì, 29 Settembre 2022

    Retine in canapa, l’economia circolare a servizio della cozza tarantina Slow Food In evidenza

    L’amministrazione Melucci, attraverso l’assessorato allo Sviluppo Economico guidato da Fabrizio Manzulli, sta sostenendo un progetto di economia circolare che vede protagoniste la canapa e la cozza tarantina, diventata presidio Slow Food.


    Grazie al lavoro dei mitilicoltori e al supporto di Federcanapa, dopo 100 giorni in mare le nuove retine totalmente biodegradabili, realizzate a partire dalla fibra vegetale, hanno superato a pieni voti tutti i test.
    «L’uso di questo prodotto - ha commentato Manzulli, dopo un sopralluogo in Mar Piccolo - sta garantendo anche una migliore crescita del prodotto, un risultato tutt’altro che trascurabile».

    L'obbiettivo è quello di avviare un percorso di economia circolare che parta dalla coltivazione della canapa, che come è noto è anche molto utile per la bonifica dei terreni, per giungere alla produzione di questi supporti fondamentali per la coltivazione della nostra cozza nera tarantina.

    «Attualmente sono attive sul nostro territorio due differenti sperimentazioni - ha concluso Manzulli - che stanno ottenendo entrambe ottimi risultati: oltre la canapa, c’è anche un lavoro del Cnr sull'utilizzo dell’agave. Green e innovazione saranno due temi ai quali ispireremo il nostro lavoro, immaginando un futuro alternativo per la nostra città».

    Vota questo articolo
    (0 Voti)
    pecorarh.jpg
    natur4.jpg
    ermese2.jpg
    autogammasud.jpg
    franky_2.jpg
    gteck_wall.jpg
    almat.jpg
    mad-srl.png
    cmts_new3.jpg
    buld_sc.jpg
    stoneg.jpg
    © 2014 associazione CronacheTarantine. Tutti i diritti sono riservati