Giovedì, 29 Settembre 2022

    Il Taranto a caccia del colpaccio nel recupero di Vibo

    Il Taranto avrà solo trentanove minuti per tentare l’impresa sul campo della Vibonese. Domani 9 marzo alle 14.30 è in programma il recupero “parziale” della sfida interrotta per nebbia lo scorso 15 febbraio. Si ripartirà dal risultato di 0-0.

    I rossoblù si giocano un vero e proprio jolly visto che in caso di successo metterebbero una seria ipoteca sulla salvezza diretta. Contro il fanalino di coda del girone C, ormai in caduta libera, servirà il giusto approccio oltre a quel carattere che si è notato nel derby contro il Foggia. Al “Razza” diverse defezioni: ai vari Falcone, Barone, Manneh e Giovinco (deve finire di scontare il turno di squalifica) si aggiunge Pacilli fermato da una botta subita in allenamento. In compenso rientra Santarpia dopo la giornata di stop forzato. Tra i convocati figura Civilleri anche se lamenta sempre acciacchi alla schiena e la sua presenza è in forse. Il tecnico Laterza potrebbe proporre un Taranto simile a quello schierato contro il Foggia (4-2-3-1) con la variante di Santarpia sottopunta al posto di Giovinco, anche se non è da scartare l’ipotesi di De Maria largo a sinistra in luogo di Labriola. Possibile il rientro in difesa di Benassai con esclusione di Granata. Dovesse partire titolare Civilleri sarebbe 4-3-3 con Labriola in panchina e Santarpia esterno mancino alto. Direttore di gara confermato Mattia Pascarella della sezione di Nocera Inferiore. Questa la probabile formazione del Taranto. Chiorra; Riccardi, Zullo, Benassai, Ferrara; Marsili, Di Gennaro; Versienti, Santarpia, De Maria (Labriola), Saraniti. All Laterza

    Vota questo articolo
    (0 Voti)
    pecorarh.jpg
    natur4.jpg
    ermese2.jpg
    autogammasud.jpg
    franky_2.jpg
    gteck_wall.jpg
    almat.jpg
    mad-srl.png
    cmts_new3.jpg
    buld_sc.jpg
    stoneg.jpg
    © 2014 associazione CronacheTarantine. Tutti i diritti sono riservati